Workbook

68° COMITATO REGIONALE OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità)

Roma, Auditorium della Tecnica, 17 - 20 settembre 2018

È uno degli eventi più importanti a livello internazionale sul tema della Salute: un incontro tra 110 ministri della Salute delegati di 53 Stati (un vero e proprio summit dei Ministri della Salute) tenutosi per la prima volta a Roma, a cui hanno partecipato mille alti rappresentanti della sanità pubblica.

Sono intervenuti alla sessione inaugurale il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il Ministro della Salute Giulia Grillo, la Principessa Mary di Danimarca, il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus e il direttore dell'OMS Europa Zsuzsanna Jakab. Tecnoconference Europe–Gruppo Del Fio ha fornito tutte le tecnologie audio, traduzione simultanea, video e luci.

Al centro dell'evento anche i nuovi dati sulla salute dei cittadini europei e la prima strategia sulla salute e il benessere maschile. L'agenda, in particolare, ha affrontato temi cruciali del dibattito politico nazionale, inclusa la sostenibilità, la salute dei migranti e i vaccini, prendendo atto che alcuni Paesi europei registrano i livelli più elevati nel mondo in termini di qualità della vita, eppure sussistono discrepanze dovute agli effetti nocivi del consumo di tabacco e alcol, al sovrappeso e all'obesità.

In Auditorium era stato realizzato un sistema di 100 unità microfoniche posizionate sugli scranni. Sempre in Auditorium era disponibile il live streaming multilingua (sei lingue in traduzione simultanea) con una regia quadricamere full HD e una regia emissione che gestiva la multivideoproiezione. La sala stampa, molto distante, era collegata in TVCC con un passaggio in fibra ottica particolarmente sofisticato.

In zona dedicata, per il pranzo dei ministri della salute (120 commensali fra ministri e autorità) erano state approntate, oltre alle riprese video e alla regia emissione contributi, 5 cabine interpreti, un impianto d'amplificazione con microfono al podio e un impianto luci ad hoc.

Ben 20 sale, destinate alle delegazioni straniere, erano state infine dotate di simultanea, monitor e videoproiettore, impianto audio, e, in alcuni casi, anche di office automation.